NewsHome
 
Avanti Ultimo
Stagione 16-17
Leicester: in collegamento dalla luna il buon Gianluca da vita ad un'asta in video conferenza mai vista prima. 31 giocatori in rosa dove spicca la seconda scelta assoluta Gabigol che proverà ad innescare un Dzeko, si spera, in forma migliore rispetto la passata stagione. Difesa solida rinforzata con Vermaalen e difesa da Hart e centrocampo muscolare con il solo Papu a portare inventiva. Senza la penalizzazione si sarebbe salvato probabilmente lotterà ancora per quelle posizioni. IN COSTRUZIONE Newells: la squadra è quella dell'anno scorso che doveva lottare per il vertice ed è retrocessa. Da manager alla Sabatini punta a vincere tra 10 anni e sceglie Pjaca al draft, talento giovanissimo, invece di consolidare l'organico. Non acquista titolari ma solamente prospetti di belle speranze. La sua sola fortuna sono i rientri di Immobile in attacco e Caprari a centrocampo. Per noi stagione di sofferenza. FUTURIBILE Gremio: Giasiro passa l'estate a studiare e ripassare dopo una stagione soffertissima con la salvezza raggiunta all'ultima giornata, e quando arriva il suo turno per la quarta scelta assoluta chiama a sorpresa il giovane Kessie dell'Atalanta. Come canta Rovazzi "forse sono un pazzo, oppure un genio" il tempo dirà se ha avuto ragione. Squadra rivoluzionata con gli arrivi degli interessanti e ben pagati De Paul e Praet a centrocampo. Porta dell'Atalanta, difesa che non ispira proprio fiducia ed attacco che punta quasi tutto su Belotti ci lasciano perplessi. Stagione tormentata in vista. IMPREVEDIBILE Lione: dopo essersi salvato per il rotto della cuffia Roberto è costretto per cause di forza maggiore a partire con un attacco sulla carta non proprio di prim'ordine. Decide quindi di approntare un centrocampo da top team con tanti giocatori offensivi e dai piedi buoni, il 3-6-1 sarebbe stato il modulo più efficace per gli interpreti a disposizione. Arriva così un acquisto dall'odiato Claudio, Palladino e la terza scelta assoluta Joao Mario. Intrigante la scommessa Manaj davanti e l'arrivo di Babacar per far rifiatare Kalinic. In attesa dell'erede di Totó Di Natale si prevede un buon campionato se imbocca un attaccante può essere una grossa sorpresa. ATTENZIONE LIverpool: Con la retrocessione del Verona perde praticamente tutto il potenziale offensivo, tuttavia al draft arriva Allison. Fazio porta centimetri in un reparto difensivo già ampiamente collaudato. A centrocampo ecco l'esperienza di Asamoah, il dinamismo di Torreira ed il fosforo del promettente Sensi. L'attacco ci lascia molto perplessi con quasi nessuno a garantire una maglia da titolare, si prevedono diversi moduli conservativi per il marpione Cataloni. Sarà veramente arduo uscire con il bottino pieno da Anfield, in trasferta la vediamo più dura. Salvezza tranquilla ormai ampiamente dimostrato di essere nelle corde di Daniele di più sembra improbabile. DIFENSIVO BETIS: la campagna di Jimmy parte prima del draft con l'acquisizione dei diritti sportivi di Marechiaro il ritorno di Benatia e la cessione di Joa Mario e Dioussè alla sua squadra satellite. La prima scelta assoluta era già scritta a tempo e Jimmy ha fatto firmare Milik direttamente agli europei dove si è confermato prospetto di valore. Per il resto rosa confermata e Marchetti per uno scontento Sportiello. Se il campionato non sarà cannibalizzato anche quest'anno da Timelli il merito potrebbe essere proprio del Betis di Manente. PROTAGONISTA Shaktar: stupisce, lascia basiti, di stucco, esterrefatti, a bocca aperta scegliendo Budimir come scelta al draft. Per carità il ragazzo croato viene da 17 gol la passata stagione ma non sembrando un titolarissimo della Samp qualche dubbio sorge spontaneo. Se poi ci. Iene descritto come più mobile e veloce di Lapadula la possibilità che Ela avesse fumato una canna prima del mercato è alta. A completare una rosa che perde tante bocche di fuoco in attacco arrivano Linetty, Nagy, Sosa a far legna Benali e Gapkè a portare fantasia. Tello a centrocampo sembrava un bel muoversi, ma l'infatuazione per Keità Balde ha portato lo spagnolo dal Gremio e la punta laziale alla corte di Manente senior. Davanti interessante l'acquisizione dei diritti di Nestorovski, in porta l'ormai sicurezza Donnarumma, difesa abbastanza collaudata ma crediamo un po corta. Potrebbe essere una seria candidata alla retrocessione così come alla vittoria finale. VISIONARIO Borussia Dortmund: al draft il duo Catenelli-Cioli distratto da pizza e aperitivi a Fregene, tutto d'un tratto si ridesta per dover scegliere a sorpresa tra giocatori inaspettati optando su Ever Banega sperando sulla titolarità dell'argentino. Per il resto mercato di consolidamento con l'arrivo di Gomez e Gazzola in difesa e di qualche giovane di belle speranza come Krejci, Embalo e re Iemmello. In porta il nulla cosmico, difesa non proprio da prima fascia, bel centrocampo e attacco potenzialmente da 60 gol, a detta di Timelli grande intenditore e gufo del fantacalcio. La difesa ed il portiere per noi faranno la differenza in negativo, a ridosso delle prime con possibile colpo di coda. VORREI MA NON POSSO PSG:anche qui scelta a sorpresa, arriva il giovane e promettente Federico Ricci fresco di trasferimento al Sassuolo giocatore che a noi piace a immensamente ma che di punta non era tra i più appetibili a livello fantacalcistico. Torniai aggiunge esperienza in difesa con Dani Alves e Castan. Molto Cagliaria centrocampo con Di Gennaro e Barella, corsa e fosforo con Sanchez e Veloso. Davanti Iturbe e Petagna a completare un attacco forse un po' corto di titolari certi. Il re di Coppa del fantacalcio proverà a ripetersi ma noi lo vediamo un po' più debole rispetto le passate stagioni. La sicurezza maggiore è in porta con San Gigi Buffon. SOTTOTONO Tenerife: a Timelli si illuminano gli occhi quando si rende conto che con l'ultima scelta può scegliere il capocannoniere della scorsa serie B e non si lascia sfuggire Lapadula anche se probabilmente con più testa e meno cuore avrebbe puntato più su un Praet o De Paul. In porta si aggiunge Gomis, la difesa rimane quella ed a centrocampo partiti Pogbà e Vasquez entrano il promettente Mazzitelli, Fofanà, il talismano Padoin e il funambolo Toledo. Davanti insieme alla coppia juventina tantissimi giovani di prospettiva tra cui il figlio d'arte Simeone e la scommessa giallorossa Gerson. Alle Canarie sperano nella voglia di rilancio di Josè Mauri e l,'esplosione di Kishna oltre ovviamente alle Gea tue di gol bianconeri. Ha sicuramente ragione a dire che difficilmente potrà contare sugli stessi numeri in attacco dello scorso campionato ma da campione uscente non può che puntare al bis. CAMPIONE
Sconcerti